Produttività Personale - Tieni traccia del tuo lavoro

Produttività

[←Torna all'indice]

GUIDA ALLA PRODUTTIVITÀ - Suggerimento #6

Produttività personale - Tieni traccia del tuo lavoro

Cal Newport, nel suo fantastico libro Deep Work ha introdotto il concetto di Lavoro Profondo e spiega che esistono due modi di lavorare: il lavoro superficiale e il lavoro profondo, appunto.

Per lavoro superficiale si intendono tutte quelle attività più o meno impegnative, come controllare e rispondere alle email o cose di questo tipo, che ci fanno sembrare produttivi, ma che non ci rendono necessariamente tali.

Il lavoro profondo è esattamente agli antipodi di queste attività energivore e di scarso valore.

Il lavoro profondo si prende cura di quelle attività che rendono importante il tuo operato e che ti fanno compiere passi in avanti nella tua carriera e, nondimeno, nella tua intera esistenza.

Se effettuate con regolarità, queste attività ti forniscono quel vantaggio competitivo che può farti contraddistinguere nella massa.

Per comprendere con consapevolezza come spendi le tue giornate lavorative e quanto lavoro profondo produci in esse devi farti alcune domande, scomode, ma necessarie:

  • Cos’ho fatto durante la mia giornata?
  • Quante ore ho lavorato e su che attività mi sono focalizzato maggiormente?
  • Quante ore del mio lavoro ho investito nel lavoro profondo?

 

Se non sai darti una risposta a queste tre domande le tue giornate lavorative tendono a diventare degli enormi buchi neri che assorbono tutto il tuo tempo e non ti fanno avanzare un passo.

Per evitare che ciò accada devi attrezzarti con un sistema che ti dia modo di tenere traccia di tutto quello che fai per comprendere come passi le tue giornate mentre sei concentrato a lavorare. Questo può essere fatto con un registro per il lavoro profondo.

Questo registro non è altro che un semplice foglio di calcolo dove inserire delle informazioni sulle cose che hai fatto, come

  • Data odierna
  • Numero totale di ore disponibili per il lavoro profondo
  • Tempo davvero utilizzato nel lavoro profondo
  • L’attività su cui hai lavorato
  • Una nota settimanale (una volta a settimana)
  • Un totale settimanale delle ore


Chi decide di iniziare a tracciare il proprio lavoro ed è abbastanza onesto nel segnare le informazioni relative al proprio operato (e dovrebbe esserlo, altrimenti sarebbe uno sforzo totalmente inutile!) inizierà a rendersi conto di come utilizza davvero il tempo ogni giorno, quindi i suoi punti di forza e di debolezza.

Una volta che conosciamo precisamente come sfruttiamo il tempo mentre lavoriamo possiamo iniziare a migliorare la nostra condizione e ad aumentare le nostre performance lavorative.

Ci sono due vie per fare questo, percorribili parallelamente:

 

Riduci il lavoro superficiale

Osserva attentamente il tuo registro giornaliero e cerca di comprendere quali condizioni hanno portato a quel particolare numero di ore di lavoro profondo.

Per esempio, potrebbero esserci state continue interruzioni che ti hanno reso difficile gestire il lavoro che dovevi fare. In questo caso cerca di capire se puoi trovare dei modi in cui puoi evitare che quelle interruzioni ti disturbino nuovamente in futuro. 

Allo stesso modo prendi nota di quei giorni in cui riesci a fare il pieno di lavoro profondo. Probabilmente c’è il modo per far sì che la maggior parte delle tue giornate diventino esattamente come quella, se trovi il modo di organizzarti a dovere.

 

Potenzia il lavoro profondo

Osserva cosa succede alla fine della settimana e cerca di comprendere cosa dovresti continuare a fare e cosa invece dovresti assolutamente smettere per la settimana successiva. Una volta compreso, scrivi la tua nota settimanale per la settimana in arrivo, in modo da riassumere l’analisi che hai fatto.

Per esempio, ti sei accorto che diventi super produttivo quando lavori mentre ti sposti per andare a lavoro? è una delle cose che dovresti continuare a fare in futuro.

Il nemico giurato del lavoro profondo è il lavoro superficiale. Purtroppo quest’ultimo non può essere totalmente eliminato, quindi dobbiamo trovare il modo per ridurlo il più possibile.

Per fare questo possiamo schedulare dei momenti fissi entro i quali completare tutto il lavoro superficiale che dobbiamo affrontare ogni giorno e fare di tutto per rimanere entro quei limiti.

Più tempo investi nel lavoro profondo, più potrai godere dei tuoi risultati e più questi saranno soddisfacenti, nella tua carriera così come nella tua vita in generale. E per fare in modo di investire il più possibile nel lavoro profondo devi prima sapere, precisamente, come passi le tue giornate a lavoro e come migliorarle.

Ecco perché devi tenere traccia del tuo lavoro.


Passiamo all’azione

  • Crea un semplice foglio di calcolo per tenere traccia del tuo lavoro profondo
  • Aggiorna il tuo registro tutti i giorni
  • Nel tuo registro segna la data, le ore di lavoro, le attività a cui lavorato e il tempo totale in cui hai fatto del lavoro profondo.
  • Analizza il tuo registro ogni giorno e alla fine delle settimana cerca di capire come migliorare quella successiva dalle informaizoni che ricavi.

software produttività



Naviga la guida


software produttività



Articolo del blog correlati: