Assertività: cosa significa e come migliorare

Come chiedere quello che vuoi con fermezza e correttezza

L'assertività è l'arte di comunicare i tuoi desideri e bisogni in modo chiaro e sicuro, in un modo che non sia né aggressivo né passivo. Se hai difficoltà ad essere assertivo puoi sentirti impotente o incapace di difenderti, inoltre cosa ben più grave può anche farti perdere opportunità di avanzamento nella vita e nella carriera. Lo sviluppo dell'assertività inizia con la fiducia in se stessi. Essere in grado di riconoscere la propria autostima e capire che meriti di essere trattato con dignità e rispetto, ti consentirà di difendere con sicurezza i tuoi diritti e di proteggerli. Quando comunichi in modo assertivo, agisci in modo equo e con empatia, non con aggressività, bullismo o passività. Ciò richiede precisione ed equilibrio, nonché una forte convinzione che i tuoi diritti e bisogni siano validi quanto quelli di tutti gli altri. Non è sempre facile essere assertivi, ma è un'abilità che può essere appresa. In questo articolo esaminiamo perché l'assertività è importante ed esploriamo alcune strategie che puoi utilizzare per diventare più assertivo.

 

 


Indice dei contenuti

 

Cos'è l'assertività?

L'assertività è una soft skill che riguarda la sfera della comunicazione. Per essere assertivi, occorre essere in grado di comunicare con chiarezza e decisione il proprio punto di vista, mantenendo al contempo il rispetto di quello altrui. Non è sempre facile identificare un comportamento veramente assertivo. Questo perché c'è una linea sottile tra l'assertività e l'aggressività e le persone spesso possono confondere le due cose. Per questo motivo è utile definire i due comportamenti in modo da poterli separare nettamente:

  • L'assertività si basa sull'equilibrio. Se vogliamo comunicare in maniera assertiva dobbiamo imparare ad essere schietti sui nostri desideri e bisogni, pur considerando i diritti, i bisogni e i desideri degli altri. Quando sei assertivo, sei sicuro di te stesso e trai forza da questo per trasmettere il tuo punto di vista in modo fermo, equo e con empatia.
     
  • Il comportamento aggressivo si basa invece sulla prevaricazione. Quando agisci o comunichi in maniera aggressiva persegui soltanto ciò che è nel tuo interesse, senza riguardo per i diritti, i bisogni, i sentimenti o i desideri delle altre persone. Quando sei aggressivo spesso prendi quello che vuoi senza chiedere, risultando arrogante e prepotente.

Detto questo, un collaboratore che ti carica di lavoro il pomeriggio prima che tu vada in vacanza e ti chiede di farlo asap, è aggressivo. Il lavoro deve essere svolto ma, scaricandolo su di te in un momento inappropriato, lui o lei non tiene conto dei tuoi bisogni e sentimenti.

Se però, informi il tuo collaboratore che sarai felice di dedicarti al lavoro e finirlo, ma solo dopo il ritorno dalle vacanze, ti poni nel giusto punto di intersezione tra passività e l'aggressività: affermi i tuoi diritti in maniera assertiva, ovvero riconoscendo la necessità del tuo collaboratore di portare a termine il lavoro.

 

 

I vantaggi di essere assertivi

Innanzitutto, sviluppare l’assertività può aiutarti a sviluppare fiducia in te stesso e a diventare più sicuro di te, man mano che acquisisci una migliore comprensione di chi sei e del valore che offri.

Inoltre, l'assertività offre molti altri vantaggi che possono aiutarti sia sul posto di lavoro che in altre aree della tua vita. In generale, le persone assertive:

  • Sono ottimi manager. Ottengono risultati trattando le persone con correttezza e rispetto e vengono trattati dagli altri allo stesso modo in cambio. Ciò significa che sono spesso benvoluti e visti come leader con cui le persone vogliono lavorare.
     
  • Riescono a negoziare soluzioni win-win. Sono in grado di riconoscere il valore della posizione del loro avversario e possono trovare rapidamente un terreno comune con lui.
     
  • Agiscono meglio e risolvono i problemi. Si sentono autorizzati a fare tutto il necessario per trovare la migliore soluzione ai problemi che incontrano.
     
  • Sono meno ansiosi e stressati. Sono sicuri di sé e non si sentono minacciati o vittimizzati quando le cose non vanno come previsto o come previsto.

 

 

Come diventare più assertivo

Diventare più assertivi non è certo semplice, ma è possibile. Sviluppare assertività può aiutarti in molti contesti, da quello lavorativo a quello sociale: se la tua tendenza è quella di essere una persona passiva / aggressiva, è una buona idea lavorare sulle seguenti aree per aiutarti a ottenere il giusto equilibrio:

 

Valorizza te stesso e i tuoi diritti

Per essere più assertivo, devi acquisire una buona comprensione di te stesso, nonché una forte convinzione nel tuo valore intrinseco e nel tuo valore per la tua organizzazione e il tuo team.

Questa comprensione porta all’autostima, che è la base della fiducia in se stessi e del comportamento assertivo. Ti aiuterà a riconoscere che meriti di essere trattato con dignità e rispetto, ti darà la fiducia necessaria per difendere i tuoi diritti e proteggerli, e rimanere fedele a te stesso, ai tuoi desideri e ai tuoi bisogni.

Sebbene la fiducia in se stessi sia un aspetto importante dell'assertività, è fondamentale assicurarsi che non si sviluppi in un senso di importanza personale. I tuoi diritti, pensieri, sentimenti, bisogni e desideri sono importanti tanto quanto quelli di tutti gli altri, ma non più importanti di quelli di chiunque altro.

 

Dai voce alle tue esigenze e desideri con sicurezza

Se hai intenzione di esibirti al massimo del tuo potenziale, devi assicurarti che le tue priorità - i tuoi bisogni e desideri - siano soddisfatte. Non aspettare che qualcun altro riconosca ciò di cui hai bisogno: potresti aspettare per sempre! Prendi l'iniziativa e inizia a identificare le cose che vuoi ora. Quindi, stabilisci gli obiettivi in ​​modo da poterli raggiungere.

Dopo averlo fatto, puoi dire ai tuoi collaboratori esattamente di cosa hai bisogno da loro per aiutarti a raggiungere questi obiettivi in ​​modo chiaro e sicuro. Se quello che vuoi non è possibile in questo momento, chiedi (educatamente) se puoi rivedere la tua richiesta tra sei mesi.

Trova modi per fare richieste che evitino di sacrificare i bisogni degli altri. Ricorda, comunicare in modo eccessivamente aggressivo o invadente rischia di scoraggiare le persone intorno a te e potrebbe danneggiare ogni tipo di relazione.

 

Riconosci di non poter controllare il comportamento di altre persone

Non accettare mai la responsabilità di come le persone reagiscono alla tua assertività. Se, ad esempio, si comportano in modo arrabbiato o risentito nei tuoi confronti, cerca di evitare di reagire allo stesso modo.

Ricorda che puoi controllare solo te stesso e il tuo comportamento, quindi fai del tuo meglio per rimanere calmo e misurato se le cose si fanno tese. Fintanto che sei rispettoso e non violi i bisogni di qualcun altro, hai il diritto di dire o fare quello che vuoi.

 

Esprimiti in modo positivo

È importante dire cosa hai in mente, anche quando hai un problema difficile da affrontare, ma devi farlo in modo costruttivo e sensibile. Non aver paura di difenderti e di confrontarti con persone che mettono in discussione te e i tuoi diritti. Puoi persino permetterti di essere arrabbiato! Ma ricorda di controllare le tue emozioni e di essere sempre rispettoso.

 

Sii aperto a critiche e complimenti

Accetta sia il feedback positivo che quello negativo con gentilezza, umiltà e positività. Se non sei d'accordo con le critiche che ricevi, devi essere pronto a dirlo, ma senza metterti sulla difensiva o arrabbiarti. La matrice di feedback è un ottimo strumento che può aiutarti a vedere oltre le tue reazioni emotive e utilizzare i feedback per ottenere cambiamenti significativi e positivi.

 

Impara a dire "No"

Dire "No" è difficile, soprattutto quando non sei abituato a farlo, ma è fondamentale se vuoi diventare più assertivo. Conoscere i propri limiti e quanto lavoro sei in grado di svolgere ti aiuterà a gestire i tuoi compiti in modo più efficace ea individuare tutte le aree del tuo lavoro che ti fanno sentire come se fossi stato sfruttato.

Ricorda che non puoi fare tutto o accontentare tutti, quindi è importante proteggere il tuo tempo e il tuo carico di lavoro dicendo "no" quando necessario. Quando devi dire "no", prova a trovare una soluzione vantaggiosa per tutti che funzioni per tutti.

 

 

Tecniche di comunicazione assertiva

L'assertività è molto più che dire a qualcuno quello che ti passa per la testa. Per essere realmente assertivo devi essere in grado di esprimerti in modo diretto e comprensibile, in modo che il tuo interlocutore si senta stimolato e positivo riguardo al risultato finale.

In questo paragrafo esaminiamo alcune delle tecniche pratiche che puoi utilizzare per diventare più assertivo. Questo ti aiuterà a comunicare i tuoi desideri e bisogni in modo fermo ed equo, in un modo che rispetti anche i desideri e le esigenze dei tuoi collaboratori.

 

Manda messaggi chiari

Per soddisfare le tue esigenze e i tuoi desideri, è fondamentale trasmettere il tuo messaggio nel modo più chiaro possibile.

Ad esempio, se vuoi raggiungere un obiettivo particolare e hai bisogno dell’aiuto di qualcuno per farlo, parlane con il tuo capo o con un tuo collaboratore e digli esattamente quello che vuoi da lui in modo chiaro e sicuro. Sii diretto e cerca di evitare di addolcire troppo il tuo messaggio, altrimenti le persone potrebbero non capire quello che stai dicendo.

Usa un linguaggio del corpo sicuro quando ti rivolgi alle persone. Ad esempio, guardali negli occhi quando parli con loro, mantieni una buona postura e mantieni la voce calma e livellata.

Cerca sempre di tenere il tuo punto. Ad esempio, se ciò che stai chiedendo non è ottenibile in questo momento, chiedi (educatamente) se puoi rivedere la tua richiesta tra sei mesi.

Allo stesso tempo, è importante trovare modi per fare richieste che evitino di sacrificare i desideri e le esigenze di altre persone. Ricorda, vuoi che le persone ti aiutino e chiedere le cose in modo eccessivamente aggressivo o invadente probabilmente li allontanerà dal farlo e potrebbe persino danneggiare la tua relazione.

 

Utilizza un linguaggio diretto

Il linguaggio può essere un potente strumento per affermare te stesso, la buona notizia è che ci sono una serie di modi semplici ma efficaci per cambiare il linguaggio in modo che sia più diretto. Ad esempio, utilizzando le dichiarazioni in prima persona e modificando i verbi che utilizzi:

Usa affermazioni in prima persona

Usa affermazioni come "Voglio", "Ho bisogno" o "Mi sento" per trasmettere le tue affermazioni di base e per far capire con fermezza il tuo punto di vista. Ad esempio, potresti dire "Sento fortemente che dobbiamo coinvolgere una terza parte per mediare questo disaccordo".

Cambia i tuoi verbi

Usa verbi più diretti e definiti quando ti affermi. Questo ti aiuterà a comunicare chiaramente il tuo messaggio. Per cominciare, usa verbi come "Voglio" invece di "mi piacerebbe" o di “avrei bisogno”.  Ad esempio, potresti dire: "Voglio seguire questo corso di formazione perché credo che mi aiuterà a progredire nel mio ruolo e nella mia carriera".

 

Ascolta con empatia

Sebbene sia fondamentale affermare con fermezza i tuoi desideri e bisogni, devi ricordarti di farlo in modo equo e che non invada i desideri e le esigenze delle altre persone. Ricorda, i tuoi diritti, bisogni e desideri sono importanti tanto quanto quelli di tutti gli altri, né più, né meno.

Quindi, una volta che hai affermato il tuo pensiero, è essenziale lasciar parlare l'altra persona e riconoscere il suo punto di vista. Prestale tutta la tua attenzione e sii empatico con la sua situazione. Questo non solo ti aiuterà a comprendere meglio il suo punto di vista, ma le indicherà anche che lo apprezzi.

 

Diventa un disco rotto

Se vuoi essere davvero efficace, devi preparare in anticipo il messaggio che vuoi trasmettere. Se, ad esempio, non puoi più accettare un lavoro, sii diretto e dì: "Non posso più accettare altri progetti in questo momento". 

Se le persone continuano ad insistere senza recepire il messaggio, continua a ripetere il messaggio utilizzando esattamente le stesse parole e non cedere. Alla fine probabilmente si renderanno conto che intendi davvero quello che stai dicendo. Per esempio: 

"Vorrei che lavorassi al progetto Claudio."
"Non posso più accettare altri progetti in questo momento."
"Ti pagherò un extra per farlo."
"Non posso più accettare altri progetti in questo momento."
"Seriamente, questo è davvero importante. Il mio capo insiste che questo progetto venga fatto."
"Non posso più accettare altri progetti in questo momento."
"Non puoi farlo nemmeno come favore personale?"
"Mi dispiace molto, apprezzo il nostro rapporto ma semplicemente non posso più accettare altri progetti in questo momento."

Fai attenzione con questa tecnica. Se la usi per proteggerti dallo sfruttamento, va bene. Ma se la usi per convincere qualcuno ad agire contro i suoi interessi, potresti risultare manipolativo e disonesto.

 

Scripting

Spesso può essere difficile sapere come comunicare i tuoi sentimenti in modo chiaro quando hai bisogno di farti valere. In questi casi, la tecnica dello scripting ti può aiutare. Ti consente di preparare ciò che vuoi dire in anticipo, utilizzando un approccio a quattro dimensioni che descrive:

  • L'evento. Spiega all'altra persona esattamente come vedi la situazione o il problema. "Michela, i costi di produzione di questo mese sono del 23% più alti della media. Non mi hai dato alcuna indicazione in merito, il che significa che sono rimasto completamente sorpreso dalla notizia."
     
  • I tuoi sentimenti. Descrivi come ti senti riguardo alla situazione ed esprimi chiaramente le tue emozioni. "Questo mi frustra e mi fa sentire come se non capissi o apprezzassi quanto siano importanti i controlli finanziari nell'azienda".
     
  • I tuoi bisogni. Di' all'altra persona esattamente di cosa hai bisogno da lei in modo che non debba indovinare. "Ho bisogno che tu sia onesto con me e fammi sapere quando iniziamo a superare in modo significativo il budget per qualsiasi cosa."
     
  • Le conseguenze. Descrivi l'impatto positivo che la tua richiesta avrà per l'altra persona o per l'azienda se le tue esigenze saranno soddisfatte. "Se lo fai, saremo in una buona posizione per raggiungere i nostri obiettivi e potremmo ottenere un bonus di fine anno migliore".

 

Dire "No"

Se vuoi essere veramente assertivo, devi essere pronto a dire "No" quando serve, non importa quanto difficile ti possa sembrare. Ricorda che non puoi fare tutto o accontentare tutti, quindi è fondamentale proteggere il tuo tempo e il tuo carico di lavoro dicendo "No" quando è necessario.

Un buon modo per affrontare situazioni come questa è cercare di negoziare soluzioni vantaggiose che funzionino per tutti.

Ad esempio, se qualcuno ti chiede di svolgere un lavoro aggiuntivo ma non pensi di avere il tempo, pensa ad un membro del team che invece potrebbe averne. Oppure, dai alla persona un'idea più chiara della tua disponibilità: forse potresti fare il lavoro la prossima settimana o il mese prossimo.

Purtroppo però non tutte le richieste possono essere negoziate. A volte l'unica opzione è dire chiaramente "no". Se questo è il caso, porsi le seguenti domande prima di dire "no":

  • Ho tempo per farlo?
  • Quanto è urgente o importante?
  • Sono la persona giusta per il compito o qualcun altro è più adatto a svolgerlo?
  • La richiesta si adatta alle mie responsabilità e ai miei obiettivi principali?

Se la tua risposta anche a solo una di queste domande è "no", è meglio che tu risponda "no". Ma ricorda che non è professionale dire "no" a un'attività semplicemente perché non vuoi farla, non capisci come farla, perché pensi che ci vorrà molto tempo, oppure perché è complessa.

 

Essere aperti al feedback

L'assertività non garantisce automaticamente che otterrai esattamente ciò che hai chiesto. L'altra persona potrebbe avere alcune critiche o feedback che vuole condividere con te o che vuole che tu sappia prima di darti ciò che hai chiesto.

È molto importante che tu accetti qualsiasi feedback che ricevi - positivo o negativo che sia - con gentilezza e umiltà e che tu lo usi in modo positivo in futuro. Tuttavia, se non sei d'accordo con le critiche che ricevi, devi essere pronto a dirlo. Ma ricorda di rimanere il più obiettivo possibile e usa risposte basate sull'evidenza. Cerca di evitare di metterti sulla difensiva o arrabbiarti, altrimenti potresti indebolire la tua argomentazione.

 

Prova l’escalation

Se i tuoi primi tentativi di far valere te stesso sono falliti, potresti dover intensificare ulteriormente la questione. Ciò significa diventare un ancor più risoluto (rimanendo comunque educato e rispettoso) con la persona a cui chiedi aiuto: devi spiegargli quali saranno i tuoi prossimi passi se continua a ignorare o respingere la tua richiesta. 

Ad esempio, ad un collaboratore particolarmente disorganizzato potresti dire: "Giorgio, questa è la terza volta questa settimana che rivedi la tua pianificazione. Se buchi un’altra deadline, il prossimo progetto lo assegnerò a qualcun’altro."

Tuttavia, tieni presente che, indipendentemente da quanto sei assertivo, potresti comunque non ottenere ciò che desideri. Se questo è il caso, devi seguire il tuo avvertimento, ad esempio, organizzando un incontro formale per parlare del problema con le persone interessate.


 

Potenziare l’assertività: la tecnica LADDER

Un'altra potente tecnica di assertività che puoi utilizzare è il framework LADDER. Ladder in inglese significa scala, in questo caso si tratta di un’acronimo delle 6 fasi necessarie per praticare la tecnica. Si tratta di una tecnica completa per risolvere i problemi in maniera assertiva. Le sei fasi di LADDER sono:

  • L - Look at your rights: Guarda i tuoi diritti, desideri, bisogni e sentimenti. E stabilisci un obiettivo che vuoi raggiungere.
     
  • A - Arrange a meeting: Organizza un incontro con la persona con cui devi parlare della situazione.
     
  • D - Define the problem: Definisci la situazione problematica nel modo più specifico possibile. Questo punto è essenziale per focalizzare la discussione, altrimenti il rischio è quello di perdersi in chiacchiere inutili. Esponi i fatti per come li vedi dal tuo punto di vista e condividi le tue opinioni e credenze a riguardo. 
     
  • D - Describe your feelings: Descrivi i tuoi sentimenti utilizzando frasi in prima persona. Le frasi in prima persona sono incredibilmente utili perché ti consentono di assumerti la responsabilità dei tuoi sentimenti senza incolpare gli altri per come ti senti. Inoltre, aiutano a collegare la dichiarazione dei sentimenti con un comportamento dell'altra persona. Ad esempio, "Mi sono sentito ferito quando non hai riconosciuto il mio lavoro". piuttosto che "Mi hai ferito quando mi hai ignorato".
     
  • E - Express what you want: Esprimi chiaramente ciò che desideri utilizzando un linguaggio verbale e non verbale. Stai attento alla postura, al contatto visivo, al tono della voce e all'espressione del viso.
     
  • R - Reinforce the mutual benefits: Rafforza le conseguenze positive che possono verificarsi ed evidenzia i lati positivi. Con una persona molto resistente e poco collaborativa potresti dover chiarire anche le conseguenze negative, ad es. "Se non puoi darmi un orario preciso in cui tornerai a casa, non potrò cucinare e tenere le cose al caldo per te." Queste non sono minacce inutili. Assicurati poi di seguire quanto detto.




 

Assertività: punti chiave

Essere assertivi significa trovare il giusto equilibrio tra passività (non abbastanza assertivo) e aggressività (comportamento arrabbiato o ostile). Significa avere un forte senso di te stesso e del tuo valore e riconoscere che meriti di ottenere ciò che desideri. E significa difendersi anche nelle situazioni più difficili.

Ciò che invece non significa è agire nel proprio interesse senza considerare i diritti, i sentimenti, i desideri o i bisogni degli altri: questa è aggressività.

Quando sei assertivo, sei in grado di comunicare i tuoi desideri e bisogni in modo fermo ed equo, senza essere troppo aggressivo o passivo. E rimani rispettoso dei desideri e dei bisogni degli altri.

L'assertività è un'abilità difficile da imparare, ma con il tempo e la pratica anche tu puoi imparare a padroneggiarla. Puoi imparare ad essere più assertivo nel tempo identificando i tuoi bisogni e desideri, esprimendoli in modo positivo e imparando a dire "no" quando ne hai bisogno. Puoi anche usare tecniche di comunicazione assertiva per aiutarti a comunicare i tuoi pensieri e sentimenti in modo deciso e diretto.

Probabilmente non accadrà dall'oggi al domani ma, praticando regolarmente queste tecniche, migliorerai lentamente le capacità di cui hai bisogno per diventare assertivo. Diventare più assertivi ha una serie di vantaggi: il vantaggio principale è che può aiutarti a rafforzare la tua autostima, può renderti un leader più efficace, può aumentare la tua produttività, migliorare la tua capacità di negoziazione e di problem solving, nonché infine ridurre lo stress e l'ansia.

Continua la lettura con

SWOT analisi personale

Come succede per le aziende, anche a livello personale possiamo identificare i nostri punti di forza e di debolezza grazie all'analisi SWOT personale

Cos’è l’autodisciplina e come svilupparla

L’autodisciplina è ciò che ci spinge a mantenere le nostre migliori intenzioni anche quando non abbiamo voglia di farlo, ed è ciò che ci rende in grado di rimandare il piacere a breve termine allo scopo di perseguire guadagni a lungo termine

Sviluppare la resilienza

Come possiamo reagire quando le circostanze non sembrano essere a nostro favore? La qualità che può aiutarci di più in questa circostanza è la resilienza.