Brainstorming: cos’è e come si fa

Come padroneggiare la metodologia tradizionale del brainstorming per generare continuamente nuove idee

Quante volte hai fatto brainstorming per risolvere un problema? È molto probabile che ti sia successo almeno una volta, anche se magari non te ne sei accorto. In realtà sono decenni che le persone utilizzano il brainstorming per generare idee e trovare soluzioni creative ai problemi; tuttavia spesso viene utilizzato in maniera impropria o addirittura inconsapevole, mentre è necessario utilizzare questo processo in maniera corretta affinché sia ​​pienamente efficace. In questo articolo vedremo di cosa si tratta, perché è così tanto utile e in che modo è possibile ottenere il meglio da sessioni di brainstorming.

 


Indice dei contenuti


 

Cos'è il brainstorming?

Alex Osborn, dirigente pubblicitario di Madison Avenue, ha sviluppato l'approccio originale al brainstorming e l'ha pubblicato nel suo libro del 1953, "Applied Imagination". Da allora sono stati apportati numerosi miglioramenti alla sua tecnica: l'approccio descritto in questo articolo tiene conto di questa evoluzione.

Una delle prime cose da capire sul brainstorming è il fatto che è pensato per essere uno degli strumenti di creatività più aperti e liberi che puoi utilizzare: il punto centrale del processo è pensare a quante più idee possibile.

Il brainstorming combina un approccio rilassato e informale al problem solving con il pensiero laterale. Durante una sessione di brainstorming, i partecipanti sono incoraggiati a creare pensieri e idee in totale libertà: alcune di queste idee possono essere trasformate in soluzioni originali e creative per un problema, altre possono portare alla creazione di ulteriori idee, altre ancora non porteranno a nulla. E va bene così.

Infatti, durante le sessioni di brainstorming, le persone devono tassativamente evitare di criticare alcune idee o elogiarne altre. Il focus è scoprire i limiti di un approccio che ha generato un problema e aprire quindi a nuove possibilità: in questa fase il giudizio e l'analisi inibiscono la generazione di idee interessanti perché limitano la creatività.

Il momento del pensiero razionale arriverà più avanti. Durante il brainstorming occorre mantenere la mente il più aperta possibile: il focus è infatti generare e raccogliere un numero elevato di idee e nuove soluzioni potenzialmente applicabili.Il momento giusto per valutare le idee è la fine della sessione, in cui si esplorano ulteriormente le soluzioni trovate adottando approcci più convenzionali. 


 

Perché usare il Brainstorming?

Un approccio al problem solving troppo strutturato e analitico può portare il team a sviluppare idee limitate e prive di fantasia. Al contrario, il brainstorming fornisce un ambiente libero e aperto che incoraggia tutti a partecipare. Anche le idee più stravaganti dovrebbero essere accolte e sviluppate, in questo modo tutti i partecipanti sono stimolati a contribuire pienamente, aiutando così il team a sviluppare una vasta gamma di soluzioni creative.

Il brainstorming consente quindi a tutti i membri del team di mettere in gioco la propria esperienza personale e la propria prospettiva, così da aumentare la ricchezza delle idee esplorate e trovare quindi soluzioni sempre migliori. Proprio grazie a questa sua caratteristica di inclusività, il brainstorming aiuta ad ottenere il consenso di tutti i membri del team per la soluzione scelta e nondimeno aiuta i membri del team a legare tra loro, poiché si discute insieme di problem solving in un ambiente positivo e gratificante.

Affinché ciò accada è però importante approcciare il brainstorming con una mente aperta e uno spirito di non giudizio, altrimenti i risultati saranno modesti. 

Spesso è difficile far fluire liberamente la creatività all'interno di un'organizzazione, perché i membri del team possono essere riluttanti a proporre nuove idee, che possono essere viste come sciocche o non realistiche. Ecco perché è importante creare un ambiente di brainstorming che sia di supporto e incoraggiante: per consentire a tutti i partecipanti di usare la propria creatività nel modo più completo possibile. 


 

Brainstorming: un metodo individuale e di gruppo

Quando si tratta di business, gli strumenti che si incontrano di solito possono essere collocati in una di due categorie: strumenti individuali e strumenti di gruppo.  Tuttavia, per quanto riguarda il brainstorming, la verità è che che questo metodo può essere utilizzato in maniera efficace sia da individui che da gruppi. Ci sono infatti diversi benefici nel fare brainstorming da soli, così come ce ne sono altri nel fare brainstorming in gruppo.

 

Brainstorming individuale

Se il brainstorming di gruppo è più efficace nel generare idee rispetto al normale problem solving di gruppo, diversi studi hanno dimostrato che il brainstorming individuale produce più idee, e spesso migliori, rispetto al brainstorming di gruppo. Questo può accadere perché i gruppi non sempre si attengono scrupolosamente alle regole del brainstorming, oppure perché le persone coinvolte per qualche motivo non riescono a generare idee proprie.

Quando fai brainstorming da solo, non devi preoccuparti del tuo ego o delle opinioni delle altre persone, puoi essere quindi più libero e più creativo. Potresti scoprire ad esempio che un'idea che non tireresti mai fuori in gruppo in realtà è molto interessante quando la esplori da solo. Tuttavia, non puoi sviluppare idee complete al 100% quando sei da solo, perché non hai a disposizione il punto di vista degli altri membri del tuo team.


Brainstorming individuale: i vantaggi

Massima libertà. Anche quando a tutti i partecipanti viene chiesto di essere il più possibile di supporto, c'è comunque un certo grado di giudizio all'interno del processo. Questo non rappresenta un problema con il brainstorming individuale, poiché sarai libero di registrare tutte le idee che ti vengono in mente.

Focus. Invece di essere distratto dalla conversazione e dall'attività del gruppo, puoi concentrarti sul compito a portata di mano quando fai il brainstorming su base individuale.

Sfrutta la tua esperienza. Se hai un'esperienza specifica con un problema specifico, potrebbe essere meglio fare brainstorming delle soluzioni a quel problema da solo. Dopo tutto, hai l'esperienza e le conoscenze necessarie, quindi dovrebbe essere solo una questione di tempo fino a quando non trovi una soluzione adeguata.

 

Consiglio:
Per ottenere il massimo dalla tua sessione di brainstorming individuale, scegli un posto comodo dove sederti e pensare. Riduci al minimo le distrazioni in modo da concentrarti sul problema in questione e valuta l'utilizzo di mappe mentali per organizzare e sviluppare idee. Ricorda infine che il brainstorming individuale è più efficace quando è necessario risolvere un problema semplice, mentre il brainstorming di gruppo è spesso più efficace per risolvere problemi complessi.

 


Brainstorming di gruppo

Qui puoi approfittare dell’esperienza, del punto di vista e della creatività di tutti i membri del team. Quando un membro rimane bloccato con un'idea, la creatività e l'esperienza di un altro possono portare l'idea alla fase successiva.

Puoi sviluppare idee in modo più approfondito con il brainstorming di gruppo di quanto tu possa fare con il brainstorming individuale. Inoltre, un altro vantaggio del brainstorming di gruppo è che fa sentire tutti utili ed è anche divertente, quindi può essere fantastico in fase di team building.

Uno dei rischi maggiori è che le idee apparentemente insolite possano apparire prive di valore a prima vista e quindi subito accantonate: ecco perchè è necessario presidiare le sessioni in modo rigido, perché altrimenti si rischia paradossalmente di soffocare la creatività.


Brainstorming di gruppo: i vantaggi

Varietà di esperienze. Quando fai brainstorming in gruppo, avrai accesso alle varie esperienze di tutti i partecipanti e avrai quindi più probabilità di imbatterti in un'idea o una soluzione di qualità. Il gruppo potrebbe infatti trovare un'idea che potrebbe non emergere in un brainstorming individuale.

Promuovere il lavoro di squadra. Ogni organizzazione può trarre vantaggio dal riunire il proprio team per lavorare verso un obiettivo comune. Partecipare a sessioni produttive di brainstorming alza il morale del gruppo e fa sentire tutto il team parte integrante dei processi importanti.

Approfondisci: Brainstorming: le 5 tecniche per trarre il meglio ; Brainstorming online: strumenti e tecniche per fare brainstorming da remoto
 

 

Come fare brainstorming

Spesso i migliori risultati si ottengono combinando il brainstorming individuale e il brainstorming di gruppo, gestendo questo processo in base alle regole sottostanti. In questo modo, puoi far sì che le persone si concentrino sul problema senza interruzioni, massimizzi il numero di idee che puoi generare e aumenti a dismisura la coesione del tuo team. Per eseguire in modo efficace una sessione di brainstorming di gruppo, segui questi step.

 

Step 1: prepara il gruppo

In primo luogo, occorre impostare un ambiente confortevole per la sessione. Assicurati che la stanza sia ben illuminata e che ci sia tutto ciò di cui hai bisogno (lavagna, fogli, post-it, etc…)

Chiediti poi di quante e quali informazioni ha bisogno il tuo team per fare brainstorming: la preparazione è importante, ma troppe informazioni possono limitare la genesi di nuove idee.

Considera chi parteciperà alla sessione. Un team composto da persone che la pensano allo stesso modo non genererà tante idee creative come un gruppo eterogeneo: cerca quindi di includere persone che vedano il problema da punti di vista diversi.

Quando siete tutti riuniti, è indispensabile nominare una persona che si prenda l’incarico di annotare tutte le idee che nascono dalla sessione. Questa persona non dovrebbe prendere parte attiva al brainstorming: è piuttosto difficile riuscire a fare entrambe le cose.

 

Step 2: definisci il problema

Occorre ora definire chiaramente il problema che si desidera risolvere e definire i criteri che è necessario soddisfare. Metti in chiaro che l'obiettivo dell'incontro è generare più idee possibili.

All’inizio, lascia 5/10 minuti ai membri del tuo team per buttar giù quante più idee possibile. Quindi, chiedi loro di condividere le loro idee, dando a tutti una buona opportunità di contribuire.

 

Step 3: guida la discussione

Una volta che tutti hanno condiviso le loro idee, il passo successivo è avviare una discussione di gruppo per sviluppare ulteriormente le idee e crearne di nuove. Costruire sulle idee degli altri è uno degli aspetti più preziosi del brainstorming di gruppo.

L’atteggiamento da tenere in questa fase è quello di incoraggiare tutto il gruppo a contribuire e scoraggiarlo invece a criticare. Come facilitatore del gruppo, il tuo focus sarà quello di sostenere le idee di tutti quanti e guidare la discussione.

Cerca sempre di far parlare una persona per volta e riporta la concentrazione quando qualcuno inizia a distrarsi, accogli e incoraggia sempre la creatività e il pensiero laterale e fai in modo che tutti quanti si divertano durante il brainstorming. Non seguire un unico filone di pensiero troppo a lungo. Assicurati di generare un buon numero di idee diverse ed esplora le singole idee in dettaglio.

Se un membro del team ha bisogno di isolarsi per approfondire un'idea, concedigli la libertà di farlo. Inoltre, se la sessione di brainstorming si protrae a lungo, fai qualche pausa in modo che tutto il gruppo abbia l’energia per rimanere concentrato fino alla fine. 


 

Dopo il brainstorming: agire!

Dopo la sessione di brainstorming individuale e di gruppo, tu e il tuo team avrete un sacco di idee su cui lavorare. Sebbene possa sembrare difficile riuscire a ordinare tutte le idee generate per trovare quelle migliori, l'analisi finale di queste idee è un passaggio fondamentale prima di passare alla loro implementazione. Se trovi delle difficoltà ad organizzare al meglio le idee, prova ad utilizzare strumenti come il Diagramma di Affinità.

Il brainstorming è un ottimo modo per discutere nuove idee e possibili soluzioni. Non è, tuttavia, il punto di arrivo del processo di problem solving. Se non agisci sulle migliori idee che escono dalle tue sessioni di brainstorming, non avrai fatto altro che perdere tempo prezioso. Quindi, per essere sicuri di trarre vantaggio dalle sessioni di brainstorming, è importante passare immediatamente dal brainstorming alla fase di azione.

Continua la lettura con

Brainwriting: cos’è e come sfruttarlo al meglio

Il Brainwriting è simile al brainstorming: sono entrambi metodi per generare idee e soluzioni creative ad un problema. Il brainwriting, tuttavia, offre a tutti pari opportunità di partecipare alla discussione.

Brainstorming inverso: cos’è e come funziona

Il brainstorming inverso ti consente di capovolgere il problema che stai affrontando, in modo da guardarlo dalla direzione opposta. 

Brainstorming Round-Robin: cos’è e come funziona

Il brainstorming round-robin  da un lato consente ai membri del team di generare idee senza essere influenzati dagli altri, e dall’altro preclude a tutti i membri del team la possibilità di influenzare gli altri. 

Rolestorming: cos’è e come funziona

Per portare il brainstorming ad un nuovo livello, è possibile passare alla tecnica del Rolestorming. Come puoi immaginare dal nome, il Rolestorming è una metodologia che combina giochi di ruolo e brainstorming.