Mentalità di crescita: cos'è e come svilupparla

Impostare il proprio mindset per prosperare nell'era dello smart working

Anche se apparentemente può sembrare scolpita nella pietra, la mentalità fissa può essere cambiata. Chi ti viene in mente quando pensi a una persona di successo, intelligente e di talento? Forse qualcuno come l'inventore americano Thomas Edison, noto in tutto il mondo per le sue invenzioni e per i suoi momenti di pura genialità. Tuttavia, Edison era sì un individuo molto intelligente e di talento, ma ci è voluto del tempo affinché tutto questo venisse fuori. Non ha sviluppato la lampadina in un giorno, e nemmeno da solo: ci è voluto un lungo, lento processo di curiosità, dedizione e duro lavoro. In altre parole, crescita.
 

Indice dei contenuti

 

Mentalità fissa e mentalità di crescita

Nel suo libro del 2007, Mindset, la famosa psicologa di Stanford Carol Dweck afferma che non sono l'intelligenza, il talento o l'educazione a distinguere le persone di successo. 

È la loro mentalità o il modo in cui affrontano le sfide della vita.

Cosa significa? Nell’idea della psicologa, tutti gli individui si differenziano in due grandi macrocategorie: chi ha una mentalità fissa e chi ha una mentalità di crescita. Avere una mentalità fissa può trattenerti dall’esprimere correttamente il tuo potenziale, mentre una mentalità di crescita può aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi (meglio ancora se sono obiettivi SMART).

Sostanzialmente, secondo Carol Dweck, il tuo mindset può influenzare la tua vita molto di più della tua intelligenza o del tuo talento. Diventa quindi fondamentale comprendere a fondo la differenza tra avere una mentalità fissa ed una mentalità di crescita.

Nel corso di questo articolo esploreremo il significato di entrambi i termini e ti mostreremo come puoi sviluppare una mentalità di crescita, in modo da poter aumentare la tua automotivazione ed efficacia.

 

La mentalità fissa

La mentalità fissa si fonda sulla convinzione che l’intelligenza, i talenti e altre abilità dell’individuo siano scolpiti nella pietra. 

Se hai una mentalità fissa, credi di essere nato con un certo livello di intelligenza, alcune inclinazioni, pregi e talenti che non puoi assolutamente cambiare.

Se hai una mentalità fissa, probabilmente avrai paura di non essere abbastanza intelligente o di talento per raggiungere i tuoi obiettivi. Puoi trattenerti dall’esprimere il tuo potenziale impegnandoti solo in attività che sai di poter fare bene.

Peggio ancora, un manager con una mentalità fissa può temere che i risultati dei suoi membri del team superino la sua esperienza. Se nota che un membro del team individua un'opportunità che lui invece non aveva visto, lo vede come una minaccia. Per evitare di essere additato come una manager senza competenze, può addirittura scoraggiare la crescita del suo team. 

Dweck e i suoi colleghi hanno esaminato il cervello delle persone con mentalità diverse. 

Il cervello degli individui caratterizzati da una mentalità fissa mostrava una maggiore attività quando veniva loro detto che le loro risposte a una serie di domande erano giuste o sbagliate: erano profondamente interessati a sapere se avevano avuto ragione o meno. 

Mentre non hanno mostrato il minimo interesse quando i ricercatori hanno offerto loro un aiuto per imparare dai loro errori: non credevano di poter migliorare, quindi non ci hanno nemmeno provato.

 

La mentalità di crescita

La mentalità di crescita, invece, si fonda sulla convinzione che è sempre possibile migliorare se stessi. Se hai una mentalità di crescita credi che con sforzo, perseveranza e passione puoi sviluppare sia le tue qualità naturali sia nuove abilità. 

Il neuroscienziato Gilbert Gottlieb ha affermato che l'intelligenza è determinata da una combinazione di geni e ambiente e che l'ambiente influenza l'attivazione dei geni durante la tua vita. Il fatto che la tua personalità dell’individuo sia determinata più da uno che dall’altro fattore è ancora fortemente dibattuto, tuttavia secondo Dweck puoi sviluppare le tue capacità, abilità e persino la tua intelligenza attraverso le tue esperienze.

Il concetto che introduce Dweck è quello dell’impegno intenzionale, ovvero la capacità di utilizzare feedback ed errori come opportunità per migliorare, godersi il processo di apprendimento e diventare più efficaci e produttivi.

Se hai una mentalità di crescita, molto probabilmente credi anche di poter superare qualsiasi ostacolo: semplicemente decidi di imparare dall'esperienza, lavorare di più e riprovare fino a raggiungere i tuoi obiettivi.

Dweck ha basato gran parte della sua ricerca sulla teoria della neuroplasticità, ovvero la capacità del cervello di continuare a formare nuove connessioni anche in età adulta, anche dopo che è stato danneggiato o quando è stimolato da nuove esperienze. 

Ciò supporta l'idea che puoi adottare una mentalità di crescita in qualsiasi momento della vita. 

Potresti non diventare un altro Thomas Edison, ma una mentalità di crescita può aiutarti a realizzare il tuo potenziale attraverso l'apprendimento e la pratica.

Questo è il motivo per cui Dweck afferma che lodare qualcuno per i suoi risultati rinforza la mentalità fissa, mentre lodare qualcuno per i suoi sforzi rinforza la mentalità di crescita. 

Infatti, quando ti concentri sui risultati di una persona, solitamente ciò che percepisce è che provare e imparare non hanno importanza. Mentre lodare i suoi sforzi sposta il focus sul suo processo di apprendimento, quindi diventa più motivata a continuare a lottare per i suoi obiettivi.

 

 

Come sviluppare la mentalità di crescita

Nel suo libro, Carol Dweck fornisce alcuni semplici passaggi che puoi adottare per passare a un nuovo modo di pensare. In questo articolo ti proponiamo un breve distillato immediatamente azionabile, così che puoi iniziare fin da subito a sviluppare la tua mentalità di crescita.

 

Passaggio 1. Ascolta te stesso.

La voce che proviene da una mentalità fissa ti impedirà di migliorare e trovare la strada per il tuo successo. 

Ad esempio, riesci a sentirti mentre ti chiedi se hai le capacità o il talento necessario per un progetto? Ti preoccupi del fallimento e di quello che le persone penseranno di te? Quando stai per affrontare una nuova sfida, ti trattieni e rimandi per paura di fallire? 

Quando ricevi un feedback negativo ti senti inventare scuse e incolpare gli altri? Se lo fai, il consiglio è quello di usare il pensiero consapevole per combattere il pensiero negativo.

 

Passaggio 2. Riconosci che hai una scelta. 

Tutti dobbiamo affrontare ostacoli, sfide e problemi per tutta la vita, ma il modo in cui rispondi a queste situazioni può fare la differenza tra successo e fallimento. 

Se hai una mentalità fissa, vedrai questi contrattempi come prova del fatto che non sei all'altezza del lavoro. Ma se li consideri come opportunità di crescita, puoi sviluppare un piano d'azione, imparare, lavorare sodo, cambiare la tua strategia e riprovare.

 

Passaggio 3. Sfida la tua mentalità fissa. 

Quando ti trovi di fronte a una sfida e ti senti pensare che è meglio non provare perché non hai il talento per avere successo, ricorda che puoi sempre imparare le abilità necessarie per raggiungere i tuoi obiettivi. 

Potresti non riuscire la prima volta, questo è vero, ma la pratica ti aiuterà a sviluppare ciò che è necessario. 

Ad esempio, se stai affrontando un problema e pensi "Non sono sicuro di poterlo fare. Non penso di essere abbastanza intelligente", sfida questa mentalità fissa rispondendo con "È vero, non sono sicuro di poterlo fare e potrei non farlo bene la prima volta, ma posso imparare con la pratica".

 

Passaggio 4. Agire.

Quando pratichi il pensiero consapevole e agisci all’interno di una mentalità di crescita, diventa enormemente più facile affrontare gli ostacoli in un modo più positivo. 

Pensala come se ti stessi esercitando a suonare la chitarra o ad eseguire delle trazioni alla sbarra: nessuno lo fa alla perfezione la prima volta. Quando commetti un errore, prova a vederlo come un'opportunità per imparare.

Pensa a come puoi aiutare il tuo team usando la mentalità di crescita. Loda i tuoi collaboratori per i loro sforzi, riconosci ed apprezza i loro miglioramenti, in modo da incoraggiare l’apprendimento e la crescita di autostima. 

Questo tipo di atteggiamento crea un ambiente positivo e aperto, crea coesione all’interno del team, e incoraggia le persone ad esprimere se stessi e le proprie idee al meglio

 

Suggerimento:
Se hai una mentalità fissa, prova ad accettare feedback e critiche come opportunità per sviluppare le tue capacità, piuttosto che un giudizio sulle tue competenze. Sii aperto all'apprendimento e meno sulla difensiva. Ricorda: tutti commettono errori!

 

Smart working e mentalità di crescita: perché è fondamentale

Sviluppare una mentalità di crescita è fondamentale in quest’epoca di smart working.

Se infatti, idealmente, la mentalità fissa è correlata all’era del posto fisso, la mentalità di crescita è idealmente correlata all’era dello smart working.

Lo smart working premia chi riesce ad essere efficiente ed efficace a prescindere dal contesto, in questo senso chi sviluppa una mentalità di crescita avrà molte più probabilità di prosperare professionalmente in questi anni e negli anni a venire.

Come detto più volte in questo blog, smart working non significa lavorare da casa, significa organizzare il proprio lavoro in funzione di obiettivi e crescita piuttosto che in funzione di orari inflessibili e luoghi precisi. In parole povere, io posso lavorare dove e quando voglio, l’importante è portare a casa gli obiettivi prefissati. Se questo comporta una crescita, tanto di guadagnato.

Ecco perché la mentalità di crescita è fondamentale per lo smart working.

Chi rimane ancorato ad una mentalità fissa sarà sempre scettico verso questa tipologia di lavoro. Sarà sempre riluttante a lavorare per obiettivi, non guarderà all’opportunità di crescere e sviluppare nuove abilità, ma sarà preoccupato della possibilità di fallire; avrà timore di non essere all’altezza e rimpiangerà con forza l’orario di lavoro e la postazione in ufficio che, a suo dire, lo qualificano già abbastanza come uomo.

Coloro i quali invece sviluppano una mentalità di crescita sono molto più inclini a raccogliere sfide e a lavorare per obiettivi. Sono eccitati dall’idea di apprendere nuove competenze e sfidare se stessi per il raggiungimento di obiettivo. Inoltre, Se non raggiungono un particolare obiettivo, non demordono e imparano dai propri errori in modo da centrare quello successivo.

La verità è che chi ha ancora una mentalità fissa rimpiange i tempi in cui il lavoro era poco smart. Tuttavia, la storia ci insegna che raramente il mondo è tornato sui propri passi, per cui se ti senti ancora troppo legato ad una mentalità fissa il nostro consiglio è quello di sviluppare una mentalità di crescita quanto prima, in modo da non rimanere troppo indietro negli anni a venire.

Continua la lettura con

Cos’è l’autodisciplina e come svilupparla

L’autodisciplina è ciò che ci spinge a mantenere le nostre migliori intenzioni anche quando non abbiamo voglia di farlo, ed è ciò che ci rende in grado di rimandare il piacere a breve termine allo scopo di perseguire guadagni a lungo termine

Il paradigma motivazionale nell’era dello smart working

Come lo smart working influenza la nostra capacità di motivarci? È possibile mantenere alte motivazione e concentrazione anche nell'era dello smart working? La risposta è sì.