Obiettivi SMART: cosa sono e qual è il loro significato

Come rendere i propri obiettivi realizzabili attraverso gli obiettivi smart

Gli obiettivi sono una parte molto importante della vita di ciascuno di noi, e sono fondamentali quando si tratta di iniziare nuovi progetti: le persone che non si pongono obiettivi spesso non riescono a realizzare ciò che avrebbero potuto. La realizzazione di un obiettivo non avviene per caso: è un processo che richiede pianificazione e metodo, in cui occorre innanzitutto saper definire i propri obiettivi prima ancora di perseguirli. Spesso infatti le persone si prefiggono degli obiettivi irrealistici e irrealizzabili, dopodichè perdono la determinazione nel perseguirli e infine pensano che porsi degli obiettivi non serve a nulla. Niente di più falso. In questo articolo illustreremo infatti come si definiscono gli obiettivi SMART,  ovvero obiettivi fatti apposta per essere realizzati. Prendere sul serio i propri obiettivi è fondamentale per semplificare e organizzare la propria vita, ma lo è soprattutto per darle una direzione e un senso.

 


Indice dei contenuti:

 

 

Cosa sono gli obiettivi SMART 

La tecnica degli obiettivi SMART ci indica con precisione come definire i nostri obiettivi in modo che siano più semplici da gestire. È stata descritta per la prima volta nel libro "Attitude Is Everything: If You Want to Succeed Above and Beyond", scritto da Paul J. Meyer, imprenditore e autore statunitense.

Vediamo di cosa si tratta più da vicino.

Quando si tratta di obiettivi, una delle citazioni più famose è questa: un obiettivo è un sogno con una scadenza. In realtà, entrando più nello specifico, un obiettivo per poter essere realizzabile deve avere caratteristiche ben precise oltre alla scadenza, riassumibili tutte nella parola SMART.

S.M.A.R.T. è un acronimo che indica le 5 qualità fondamentali che un obiettivo deve possedere: SPECIFIC (specifico), MEASURABLE (misurabile), ACHIEVABLE (raggiungibile), RELEVANT (rilevante), TIME-BASED (basato sul tempo).

Vediamo queste caratteristiche più nel dettaglio:

  • SPECIFIC (specifico): I grandi obiettivi sono ben definiti e focalizzati. "Ottenere due nuovi clienti corporate nel mercato assicurativo immobiliare di Milano" è più significativo di "Aumentare il fatturato". Un focus di questo genere crea una forza dirompente: nel momento in cui ti concentri su un obiettivo così specifico lo puoi già quasi toccare, non è vero? Il tuo obiettivo diventa come una calamita in grado di attirare verso di te le risorse necessarie per realizzarlo, e più le tue energie sono concentrate, più potere generi.
     
  • MEASURABLE (misurabile): Un obiettivo senza un risultato misurabile è come una competizione sportiva senza tabellone segnapunti: i numeri sono una parte essenziale del processo. Quest’anno vuoi guadagnare 10.000€ in più dell’anno scorso? Questo mese vuoi acquisire 2 nuove abilità? Inserisci sempre numeri concreti nei tuoi obiettivi per sapere se sei sulla buona strada. Appendi una lavagna magnetica accanto alla tua postazione, così da avere un promemoria quotidiano per mantenerti sulla giusta direzione.
     
  • ACHIEVABLE (raggiungibile): Troppo spesso le persone, i professionisti e persino le imprese fissano obiettivi oltre la loro portata. Nessuno ha mai imparato una nuova lingua in una settimana, così come nessuno ha costruito un business miliardario durante la notte. Sogna in grande e punta alle stelle, ma quando definisci i tuoi obiettivi fai in modo di mantenere almeno un piede saldamente ancorato alla realtà.
     
  • RELEVANT (rilevante): Un obiettivo per essere tale deve rivestire un’importanza maggiore rispetto ad altre cose, perché altrimenti il rischio è che col tempo si perda la giusta motivazione nel perseguirlo. La domanda principale è quindi: perché vuoi raggiungere quest’obiettivo? Fai in modo di avere solide argomentazioni che ti spingano a mantenere un solido commitment nei confronti del tuo obiettivo. In caso di obiettivi legati al business, un obiettivo è rilevante quando ha un certo peso specifico: se ad esempio il tuo fatturato da libero professionista è di 60k all’anno, non ha senso porsi l’obiettivo di arrivare a 61k.
     
  • TIME-BASED (basato sul tempo): Gli obiettivi di qualsiasi natura, sia personali che lavorativi, possono essere realizzati solo quando viene fissato un tempo limite, una scadenza, una deadline. Spesso sono le proprio le deadline che mettono il turbo alle persone, l’importante è però saperle gestire senza stress. Fai una pianificazione provvisoria di ciò che vuoi raggiungere e aggiustala giorno per giorno in base a quanto fatto, ricorda però che essere troppo severi su quest’aspetto può avere l'effetto opposto, ovvero trasformare il processo di raggiungimento dei tuoi obiettivi in una corsa infernale contro il tempo.

 

 

Esempi di obiettivi SMART

Come appena detto, gli obiettivi per essere smart devono essere specifici, misurabili, raggiungibili, realistici e basati sul tempo. Vediamo quindi come lo stesso obiettivo può essere sia formulato sia in maniera smart, sia in maniera non smart.

Obiettivo NON SMART: “Vorrei ridurre il carico di lavoro settimanale.” 
Obiettivo SMART: Ridurrò le ore di lavoro quotidiane del 20% entro 1 mese.”

Obiettivo NON SMART: “Vorrei vivere in modo più sano.”
Obiettivo SMART: "Dalla prossima settimane farò esercizio fisico 3 volte a settimana e smetterò di assumere alcol e zucchero bianco."

Obiettivo NON SMART: “Voglio terminare velocemente la stesura del report.”
Obiettivo SMART: "Finirò di scrivere il report entro domani alle 15."

Obiettivo NON SMART: “Voglio limitare l'utilizzo dei social media.”
Obiettivo SMART: “Da domani utilizzerò i miei canali social solo una volta al giorno per un massimo di 30 minuti.”

Obiettivo NON SMART: “Voglio migliorare nell’ambito del digital marketing.” 
Obiettivo SMART: “Entro la fine di quest'anno voglio acquistare 3 corsi online di digital marketing e partecipare a 3 eventi di formazione.”

 

 

Come impostare obiettivi SMART

L’unica maniera per essere certi di realizzare i propri obiettivi è fissare obiettivi che rispondano all'acronimo S.M.A.R.T. Quando si utilizza questa tecnica, è possibile in primo luogo creare obiettivi chiari, raggiungibili e significativi e, in secondo luogo, sviluppare la motivazione, il piano d'azione e il supporto necessari per raggiungerli.

Quella degli obiettivi SMART è una tecnica efficace che fornisce chiarezza, concentrazione e motivazione, qualità necessarie per raggiungere qualsiasi tipo di obiettivo. Migliora inoltre la tua capacità di raggiungerli incoraggiandoti a definire i tuoi obiettivi nel dettaglio e fissare una data di completamento. Infine, questa tecnica è facile da usare da chiunque, ovunque, senza la necessità di strumenti specialistici o formazione.

 

Come rendere un obiettivo specifico

Il tuo obiettivo dovrebbe essere chiaro e specifico, altrimenti non sarai in grado di concentrare i tuoi sforzi o sentirti veramente motivato per raggiungerlo. Nel definire il tuo obiettivo, prova a rispondere a queste cinque domande:

  • Cosa voglio realizzare?
  • Perché questo obiettivo è importante?
  • Chi è coinvolto?
  • Dove si trova?
  • Quali risorse o limiti sono coinvolti?

[Esempio: immagina di essere un addetto al marketing in una grande azienda e vuoi diventare capo del marketing. Un obiettivo specifico potrebbe essere "Voglio acquisire le competenze e l'esperienza necessarie per diventare responsabile del marketing all'interno della mia organizzazione, in modo da poter costruire la mia carriera e guidare un team di successo".]

Quando definisci un obiettivo SMART devi essere molto specifico e concentrarti solo su una cosa per volta: se sei distratto o poco disciplinato potresti perdere la bussola lungo la strada. Una cosa fondamentale nel rendere i tuoi obiettivi più specifici è appunto non concentrarti su più cose: cerca di organizzare la tua routine in modo da focalizzare la tua energia su un solo scopo.

Nel caso in cui sia necessario eseguire più attività per raggiungere un determinato obiettivo, occorre suddividere queste attività in sotto-attività e pianificarle in intervalli di tempo diversi. Questo perché se si eseguono più attività in parallelo, entrambe le attività saranno eseguite a metà e potrebbero presentare dei difetti.

[Esempio: se vuoi scrivere un eBook entro fine mese, ma allo stesso tempo vuoi scrivere 15 articoli, dovrai separare queste due attività in diversi giorni della settimana, perché se portassi avanti le due cose in parallelo non saresti in grado di concentrarmi completamente su nessuna di esse, ottenendo un risultato di bassa qualità.]

 

Come rendere un obiettivo misurabile

È importante avere obiettivi misurabili, in modo da poter monitorare i tuoi progressi e rimanere motivati. Valutare i tuoi progressi ti aiuta a rimanere concentrato, a rispettare le scadenze e a provare l'eccitazione di avvicinarti gradualmente all tuo obiettivo. Un obiettivo misurabile dovrebbe rispondere a domande come:

  • A che punto sono del mio obiettivo?
  • Quanto tempo ho dedicato al mio obiettivo e quanto più o meno dovrò ancora dedicare?
  • Quanti step devo effettuare per raggiungere l'obiettivo?
  • Come faccio a sapere quando l'obiettivo sarà realizzato?

[Esempio: potresti misurare il tuo obiettivo di acquisire le competenze per diventare responsabile marketing decidendo di completare i corsi di formazione necessari entro cinque anni.]

La possibilità di misurare i tuoi progressi ti incoraggerà a progredire ancora di più e a sviluppare ancora più determinazione per raggiungere il tuo obiettivo. Dovresti inoltre impostare alcuni checkpoint in cui registrare la percentuale di completamento del tuo obiettivo. Questi checkpoint non solo ti aiuteranno ad avvicinarti al tuo obiettivo, ti permettono anche di avere consapevolezza di eventuali intoppi e quindi di modificare il percorso quando necessario.

[Esempio: se a metà mese hai quasi finito l’ebook ma hai scritto solo 3 articoli, potresti voler ri-pianificare le tue attività per dedicare più tempo alla scrittura degli articoli]

 

Impara a lavorare per obiettivi SMART con Taskomat™

 

Come rendere un obiettivo raggiungibile

Il tuo obiettivo deve essere realisticamente raggiungibile per poter essere realizzato. In altre parole, dovrebbe metterti alla prova ma rimanere comunque possibile. Quando definisci un obiettivo raggiungibile, potresti addirittura identificare opportunità o risorse precedentemente trascurate che ti possono avvicinare ad esso. Un obiettivo raggiungibile di solito risponderà a domande come:

  • Come posso raggiungere questo obiettivo?
  • Quanto è realistico l'obiettivo, basato su altri vincoli, come i fattori finanziari?

[Esempio: potrebbe essere necessario chiedersi se lo sviluppo delle competenze richieste per diventare responsabile marketing sia realistico, in base alla propria esperienza e qualifiche. Ad esempio, hai il tempo di completare efficacemente la formazione richiesta? Puoi permetterti di farlo?]

Rendere raggiungibile il tuo obiettivo significa fare in modo che per realizzarlo sia necessario fare cose realisticamente possibili. Se hai creato un obiettivo sulla base di un sogno irrealistico, le cose diventeranno confuse e presto perderai il controllo del tuo obiettivo. Il modo più semplice per rendere raggiungibile il tuo obiettivo e quello di suddividerlo in compiti più semplici da portare a termine quotidianamente. Puoi creare attività secondarie attingendo da un'unica grande attività: questo ti renderà estremamente più semplice tutto il processo. 

[Esempio: se il tuo obiettivo è scrivere un ebook e 15 articoli in un mese, dovresti completare almeno un capitolo e 3 articoli ogni settimana]

 

Come rendere un obiettivo rilevante

Questo passaggio consiste nel garantire che il tuo obiettivo sia importante per te e che sia in linea anche con altri tuoi obiettivi. È di vitale importanza mantenere il controllo su tutti i tuoi obiettivi: assicurati quindi che i tuoi piani li portino avanti tutti, così da rimanere l’unico responsabile del raggiungimento del tuo obiettivo. Un obiettivo rilevante dovrebbe "sì" a queste domande:

  • Ti sembra utile?
  • È il momento giusto?
  • Questo corrisponde ai nostri altri sforzi / bisogni?
  • Sono la persona giusta per raggiungere questo obiettivo?
  • È applicabile nell'attuale contesto socioeconomico?

[Esempio: potresti voler acquisire le competenze per diventare capo del marketing all'interno della tua azienda, ma è il momento giusto per intraprendere la formazione richiesta? Sei sicuro di essere la persona giusta per il ruolo? Hai considerato gli obiettivi del tuo coniuge? Ad esempio, se vuoi creare una famiglia, completare la formazione nel tuo tempo libero renderebbe questo più difficile?]

Ogni obiettivo richiede diverse valutazioni, perché sono necessarie competenze diverse, requisiti diversi e percorsi diversi per ogni obiettivo da raggiungere. Non puoi selezionare un obiettivo random di qualcun’altro e lavorare per raggiungere quell'obiettivo: un approccio del genere ti condurrà solo al caos e a nient'altro. Devi pensare molto prima di definire un obiettivo SMART e assicurarti di aver selezionato un obiettivo correlato alla tua esperienza e alle tue aspirazioni. 

[Esempio: se hai competenze di finanza, non ha senso mettersi in testa di scrivere un ebook e 15 articoli che parlano di sport]

 

Come rendere un obiettivo basato sul tempo

Ogni obiettivo che risponda all'acronimo SMART ha bisogno di una data limite, in modo da avere una scadenza su cui concentrarsi ed entro cui pianificare tutte le attività su cui lavorare. Questa caratteristica degli obiettivi SMART aiuta a impedire che le attività triviali quotidiane prendano il sopravvento sugli obiettivi a lungo termine. Un obiettivo basato sul tempo generalmente risponderà a queste domande:

  • Quando potrò verosimilmente raggiungere l’obiettivo?
  • Cosa posso fare a riguardo tra sei mesi?
  • Cosa posso fare a riguardo tra sei settimane?
  • Cosa posso fare a riguardo oggi?

[Esempio: acquisire le competenze per diventare responsabile marketing può richiedere ulteriore formazione o esperienza, come abbiamo detto in precedenza. Quanto tempo impiegherai per acquisire ciascuna di queste abilità? È importante darsi un lasso di tempo realistico per raggiungere gli obiettivi più piccoli necessari per raggiungere il tuo obiettivo finale.]

Spesso accade che le persone fissino i propri obiettivi per un periodo di tempo illimitato. Questo approccio non è propriamente SMART: avere un obiettivo senza un termine definito ti rilasserà troppo e non sarai nelle condizioni di lavorare in modo coerente. D'altra parte, avere una scadenza ti consente di misurare i tuoi progressi: puoi accelerare i lavori o continuare in modo più rilassato a seconda di quanto lavoro ti rimane ancora da fare. 

Una maniera efficace per creare degli obiettivi basati sul tempo è coinvolgere una persona cara in questo processo e condividere il tuo obiettivo con lui o lei: questo passaggio ti sarà di grande aiuto, in quanto ti sentirai responsabile nei confronti di quella persona. Questa persona ti chiederà aggiornamenti, vorrà essere informata sui tuoi progressi settimanali e ti aiuterà a valutare la bontà del tuo percorso. Quando sai che devi rispondere alle domande di qualcuno, specie se si tratta di un amico, di un familiare o del proprio partner, ti sentirai più responsabile e lavorerai ancora di più. 

Stabilire una scadenza significa anche che devi completare il tuo obiettivo per avviarne un altro.Questo ti incoraggerà a completare il tuo obiettivo più velocemente e più rapidamente, completerai il tuo obiettivo, più tempo avrai per gli altri tuoi obiettivi e così via.

[Esempio: se il tuo obiettivo è scrivere un ebook e 15 articoli in un mese, dovresti già pensare a quale sarà il tuo obiettivo per il mese successivo] 
 

 


 

Sette errori da evitare quando impostiamo obiettivi SMART

Prova ad immaginare una situazione di questo genere: ti sei prefissato un obiettivo ed inizialmente tutto andava per il meglio: stavi facendo progressi, ti sentivi bene per quello che stavi facendo ed eri entusiasta delle possibilità future.

Tuttavia, ad un certo punto, le cose si sono complicate. Il completamento dell'obiettivo ha richiesto più tempo di quanto pensassi, ti sei scoraggiato e, poiché non ti sei fermato a guardare ciò che avevi raggiunto, hai perso la spinta e la concentrazione. Prima ancora di rendertene conto, l'obiettivo - e le opportunità connesse ad esso - si sono volatilizzate.

Suona familiare? Credo proprio di sì. Ora analizziamo i 7 errori più frequenti che si commettono quando impostiamo i nostri obiettivi SMART: scopri come riconoscere questi errori, in modo da evitare di ripeterli.

 

Concentrarsi su troppe poche aree

Immagina di aver appena scritto la tua lista di obiettivi per il prossimo anno. Ti sei impegnato ad aumentare le vendite del 15%, fare domanda per una promozione e leggere un libro di business sul tuo settore ogni mese.

Non c’è dubbio che questo sia un elenco di obiettivi SMART, ambizioso e realizzabile, tuttavia c'è un potenziale problema: questi obiettivi si concentrano solo sulla tua carriera. Hai completamente omesso gli obiettivi da altre parti della tua vita.

Molte persone si concentrano esclusivamente sul proprio lavoro quando fissano obiettivi. Tuttavia, non puoi trascurare le attività che ti portano gioia. Obiettivi come scrivere un libro, gareggiare in una gara sportiva o curare il tuo giardino di casa potrebbero anche essere incredibilmente importanti per la tua felicità e il tuo benessere.

Quindi, quando stabilisci i tuoi obiettivi, assicurati di trovare il giusto equilibrio tra le diverse aree della tua vita. E ricorda che "l'equilibrio" è diverso per tutti.

 

Sottovalutare il tempo di completamento

Quanto spesso un'attività o un progetto ha impiegato più tempo del previsto? Probabilmente più volte di quante tu possa ricordare! Lo stesso vale anche per gli obiettivi che hai fissato in passato.

Se non si stima con precisione il tempo di completamento dell'obiettivo, può essere scoraggiante quando le cose richiedono più tempo di quanto si pensi. Questo può farti gettare la spugna.

È quindi importante utilizzare i programmi d'azione e strategie di pianificazione efficaci quando si pianificano i propri obiettivi. Inoltre, tieni sempre conto di ritardi e battute d'arresto.

 

Non apprezzare il fallimento

Non importa quanto duramente lavori, di tanto in tanto non riuscirai a raggiungere i tuoi obiettivi. Ci siamo passati tutti e non è sicuramente divertente!

Tuttavia, i tuoi fallimenti sono ciò che alla fine determina la tua persona. Contengono anche lezioni che possono cambiare la tua vita in meglio, se hai il coraggio di impararle.

Quindi non essere troppo arrabbiato se non riesci a raggiungere i tuoi obiettivi - prendi nota di dove hai sbagliato e usa quella conoscenza per raggiungere i tuoi obiettivi la prossima volta.

 

Impostare obiettivi di altre persone

Alcune persone - familiari, amici o persino il tuo capo - potrebbero voler influenzare gli obiettivi che ti vuoi fissare. Forse sentono di sapere cosa è meglio per te, o forse vogliono che tu prenda un certo percorso o faccia certe cose.

Chiaramente, è importante avere buoni rapporti con queste persone, e devi fare ciò che il tuo capo chiede, entro limiti ragionevoli. Tuttavia, i tuoi obiettivi devono essere i tuoi - non quelli di chiunque altro. Quindi sii educatamente assertivo e fai quello che vuoi fare!

 

Non rivedere i progressi

Ci vuole tempo per raggiungere gli obiettivi. E a volte può sembrare che non stai facendo molti progressi. Ecco perché è importante fare il punto su tutto ciò che hai realizzato regolarmente. 

Imposta piccoli obiettivi secondari, celebra i tuoi successi e analizza ciò che devi fare per andare avanti. Non importa quanto sembrano lente le cose, probabilmente stai facendo progressi!

Puoi anche cogliere l'occasione per aggiornare i tuoi obiettivi, in base a ciò che hai imparato. Le tue priorità sono cambiate? O hai bisogno di dedicare un po 'di tempo extra per una determinata attività obiettivo?

Gli obiettivi non sono mai fissati nella pietra, quindi non aver paura di modificarli se necessario.

 

Impostare obiettivi negativi

Il modo in cui pensi al tuo obiettivo può influenzare il modo in cui lo senti e se poi lo raggiungi. 

Ad esempio, molte persone hanno l'obiettivo di "perdere peso". Tuttavia, questo obiettivo ha una connotazione negativa; è focalizzato su ciò che non vuoi: il tuo peso. Un modo SMART e positivo per riformulare questo obiettivo è dire che vuoi "Voglio fare esercizio fisico 3 volte alla settimana ed evitare sempre cibi grassi e non salutari" ". Un altro esempio di obiettivo negativo è "smettere di fare tardi al lavoro". Un modo positivo e SMART per riformularlo è "passare almeno 6 ore in più alla settimana con la mia famiglia".

Gli obiettivi negativi sono emotivamente poco attraenti, il che rende difficile concentrarsi su di essi. Rimpiazza eventuali obiettivi negativi in ​​modo che sembrino positivi: potresti essere sorpreso dalla differenza che fa!

 

Impostare troppi obiettivi

Quando inizi a stabilire obiettivi, potresti vedere molte cose che vuoi raggiungere. Quindi inizi a stabilire obiettivi in ​​tutte le aree.

Il problema è che hai un tempo e un'energia fissi. Se provi a concentrarti su molti obiettivi diversi contemporaneamente, non puoi dare ai singoli obiettivi l'attenzione che meritano.

Invece, usa la regola "qualità, non quantità" quando stabilisci gli obiettivi. Scopri l'importanza relativa di tutto ciò che vuoi realizzare nei prossimi sei-dodici mesi. Quindi scegli non più di tre obiettivi su cui concentrarti.

Ricorda, il tuo lavoro verso un obiettivo avrà successo se ti focalizzerai su poche cose alla volta. Se limiti il ​​numero di obiettivi a cui stai lavorando, avrai il tempo e l'energia di cui hai bisogno per fare le cose davvero bene.
 

 

«Il più grande pericolo per molti di noi non sta nel fatto che i nostri obiettivi siano troppo elevati e quindi non riusciamo a raggiungerli, ma nel fatto che siano troppo bassi e che li si raggiunga.»
Michelangelo Buonarroti 



Gli obiettivi SMART sono al tuo servizio

Quella degli obiettivi SMART è una tecnica consolidata che puoi utilizzare per pianificare e raggiungere i tuoi obiettivi di qualunque tipo, siano essi finanziari, professionali o semplicemente personali. 

Questo è possibile perché quando si utilizza questa tecnica è possibile creare obiettivi chiari, raggiungibili e significativi e sviluppare la motivazione, il piano d'azione e il supporto necessari per raggiungerli, a prescindere dalla tipologia di obiettivo.

Forse hai sempre sognato di viaggiare per il mondo, ma non sei mai riuscito a farlo accadere. Magari ripeti a te stesso che non hai il tempo o i soldi necessari, e che ci penserai l'anno prossimo.

Prova a impostare degli obiettivi che ti aiutino a rendere i tuoi piani specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e limitati nel tempo. Potresti scoprire che il vero motivo per cui non hai viaggiato è perché i tuoi piani erano troppo vaghi o irrealistici. Pensa a come potresti riformulare i tuoi obiettivi sotto forma di obiettivi SMART, in modo da poterli finalmente realizzare.

 

Impara a lavorare per obiettivi SMART con Taskomat™

Continua la lettura con

Il miglior software per lo smart working

Lo smart working trascende l'idea del lavoro legato ad un luogo o ad un orario specifico: tutto è in funzione degli obiettivi che ci poniamo e della crescita che vogliamo raggiungere.

Il paradigma motivazionale nell’era dello smart working

Come lo smart working influenza la nostra capacità di motivarci? È possibile mantenere alte motivazione e concentrazione anche nell'era dello smart working? La risposta è sì.

La definizione degli obiettivi secondo Locke e Latham

Edwin Locke e Gary Latham hanno trascorso molti anni a ricercare teorie su come definire gli obiettivi, hanno identificato cinque elementi fondamentali per raggiungerli.